Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

Poesie in Sardo

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – ZENNARZU 2020

 Antonio Sannia, poeta di grandi testimonianze liriche ed umanità

 Cogliere altro ed oltre l’apparente aspetto dell’esistenza e dei sentimenti - ossia sorprendere la quotidianità con parole che comunicano emozioni - è certamente il segreto alimento del miracolo-poesia che ha attraversato ed ammaliato generazioni e generazioni, con testimonianze liriche cariche di travolgenti idealità e riflessioni di significativa umanità.

L’intramontabile passione lirica ha un serbatoio inesauribile di cultori ed interpreti nelle diverse aree territoriali e linguistiche dell’Isola; una sorgente perenne (‘ena mannantiale) di versi diffonde poesia “ispirata” a taulinu attraverso un sorprendente e radicato circuito di concorsi letterari locali che acuiscono, o forse sopperiscono, la graduale “scomparsa” della grande e tradizionale poesia estemporanea.

E proprio in quella categoria di premi, segnati dalla tradizione poetica sarda in rima, si è affermato il bortigalese Antonio Sannia: sette anni di continui riconoscimenti lo hanno rivelato e consacrato nella ristretta cerchia degli attuali poeti pluripremiati.

Sannia - tra il plauso di critica ed estimatori - si caratterizza per i profondi e meditati settenari ed endecasillabi dalla gradevole estetica con intrecci di musicalità, quasi a voler ribadire la teoria dantesca che la poesia si realizza e compie con “parole per legame musaico armonizzante”. I componimenti del poeta marghinese richiamano a valori civili e religiosi di elevata dimensione spirituale (significati di esperienza privata coltivati e compresi con la vita) che con “illuminismo” impegnano il poeta e la poesia ad un compito “educativo” e di aderenza all’attualità e realtà sociale.

Analizzando i testi del Sannia (classe 1954, pensionato dal Banco di Sardegna, attivo nel volontariato e che da operatore culturale si è occupato, in qualità di Direttore Artistico, dell’attività dell’Associazione Gruppo Folcloristico e Culturale di Bortigali) abbiamo la conferma e i segni evidenti della qualità del lavorio letterario, ma soprattutto l’arricchimento di recepire la voce della realtà che continua a parlare alla sensibilità di uomini che la ricercano per esprimere sentimenti, esaltare l’originalità e vitalità della cultura lirica in limba e sorprendere di emozioni con l’incisività dell’atto poetico.

I tanti allori conseguiti da Antonio Sannia - di assoluto pregio quelli di Nuoro, Posada, Trinità d’Agultu, Ozieri, Tonara, Flussio, Silanus, etc. - legittimano un percorso di scrittura conoscitiva, esistenziale e talvolta di riferimento etico. Certamente poesia che convince e avvince per quell’unicità nel trasmettere messaggio ed emozioni. Le liriche del poeta di Bortigali cantano ed esaltano la sacralità della vita, la complessità e le mille sfumature dell’amore, la famiglia, l’esperienza lavorativa e sociale, la fede individuale e quella di un popolo; esprimono la forte volontà che attraverso la cultura, la memoria e il coltivo genuino della limba si possano infondere speranza e forza nell’affrontare l’esistenza. Il senso del tempo e della vita, che percorre e dona tutta la poesia di Antonio Sannia, va custodito e protetto nella memoria come una preziosa reliquia.

 

 

Boghes d'atterue

 

Passadu ch'est beranu,
cando cun tantu amore,
fiores de belludu as semenadu;
e chirradu 'onzi ranu,
po li dare lugore,
che massaju chi s' ispiga at seberadu,
e postas tottu umpare,
po poder incunzare,
sos chios ch'in s'arzola as bentuladu.
Carrigos d'armonia
e gosos de sa sarda balentia.

Galanas, in s'aera,
bolan cun sos anghèlos,
boghes chi paren 'enzan d'atterue;
sos sonos de s'ispera
s'intenden in sos chelos,
che tintinnos chi giogan in sa nue.
Su mèlidu de s'ama,
su càntigu 'e sa mama,
in su mundu connottos in tottue.
Costumes e folklore,
segnore, mastru mannu, imbasciadore.

Sas ragas, su cabanu,
sas pizas de su coro,
riccas de tantu amore e d'allegria,
as postu in donzi manu,
prenandelas de oro
cun sentidos lieros, de zenia,
d'affettu, d'amistade,
amore po su frade,
de rispettu po sa terra nadia.
Unu mundu fadadu,
de cussa paghe chi nos as lassadu

Como su Redentore,
a susu t'at giamadu,
in su monte Parnàsu nugoresu
po ballare a tenore,
unu passu torradu
sos serafinos ti ch'an postu in mesu.

 

 

 

Fèmina 'e Barbagia

 

 

 

Labiolos, teruddas e tazeris,
'iscos de casu e palas po su furru,
las bendiat cun d'unu caddu murru,
unu òmine 'e Barbagia, paret deris.

E bèrtulas, chiliros, canisteddos,
bàttiles bellos, riccos de colore,
indorados cun tramas de lentore,
tèssidos a sa lughe 'e sos isteddos

In telarzos ordidos de mudore,
da' fèmina ch'in coro at sa ricchesa,
sola in domo, de raru amore inchesa,
lughente che ispiga de laore.

Su ranu, bellu e riccu che siddadu,
cun sas laras pintadas da' sa rosa,
sos pilos dae una mariposa,
che funtana bundante at allatadu

In su coro cant'est su pensamentu,
po cuss' òmine a caddu chi ch'est fora,
de l'abbratzare est isettande s'ora,
si b'at novas dimandat a su 'entu.

Ma non connoschet frittu cussu coro,
est ammuntadu 'e seda e de belludu,
ispantadu su chelu addurat mudu,
mirande de s'isposa su decoro.

'Enit s'iscuru e dromidi su frore,
sa mama invocat santos e Maria,
làgrimas, gosos e pregadoria,
po chi torret a s' 'ama su pastore.

Sos ànghelos 'olande in s'aeras,
dae chelu an intesu su lamentu,
cun lestresa leadu s'an s'appentu,
de dare vida a sas chi fin isperas.

In su caminu ormìnas de sentidos,
e bramas de affettu, de disizu,
a manu tenta 'olade mama e fizu,
curride umpare, sezis torra unidos.

Ses fèmina galana, ses donosa,
pilos d'oro che làcanas in chelu,
sos ogros birdes paren d'un anghelu,
ses mama, mere 'e domo, ses isposa.

 

Perdònami

 

Cantu tempus coladu in su mudore,
e su coro pienu 'e tristu dolu;
chena perunu azudu e ne consolu,
che sos fruttos impuros de s'amore.

Ses fizu 'e su peccadu, amadu frore,
orfanadu in ambaghes d'oriolu;
finas in sas intragnas nudu e solu,
colostrinu 'e su latte su sabore.

Est culpa mia s'apo fattu abusu,
de carignos anzenos e de gana,
ma d'esser sola non nde poto prusu.

Ti pedo, dae sinu, su perdonu,
si mai t'apo jutu a sa funtana
de gosu, chi sa mama dat indonu.

 

 

 

Sonnia che poeta

   

 

   

 

Perdona si dimando
àbba che pedidore,
pròigu in tegus como so chircande;
tue narami cando,
m'as a dare calore,
ca chena nudda a domo so torrande.
Isculzos in sos rios,
sun sos sentidos mios,
a matta a terra bruttos caminande.
Nudos chena ricchesa,
in àidos de dolu e de tristesa.
àndalas de mudore,
carignan su manzanu,
sas òbigas sun prenas de disizu;
ti chirco intro 'e s'albore,
in donzi solianu,
che frore chi non tenet assimizu.
E che colat sa die,
chena agattare a tie,
chi de s' apprettu tenes contivizu.
Sas attas de su coro
isterren velas, bola fattu insoro.
Pìnnigande sa rete,
est s'ora piscadore,
inserra intro 'e su pettus donzi ispera;
sonnia che poete,
rimas chi de amore,
tingan che sole in nottes de lunera.
Una 'oghe ti giamat,
est su sinu chi bramat,
in cussu mare est tempus de messera.
E sun como sas undas,
chi carignan sas bramas prus profundas
Che miseru fiore,
a su sole m'aberzo,
po retzire 'onzi abbratzu de s' 'eranu;
connoscher su sabore,
de s'amore chi cherzo
istringher in su coro, fittianu.

 

             

 

 

 

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – NADALE 2019

 Remundu Piras, poeta di grande dignità letteraria

Remundu Piras (Villanova Monteleone 29 ottobre 19

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – CABIDANNI 2019

 Peppe Sozu, poeta dell’originale teatro dei sardi nelle disputas a lughe ‘e luna

Documentate notiz

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – CABIDANNI 2019
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – SANTANDRIA 2019

 Giacomo Murighili, un grande nel panorama dell’arte poetica in gallurese

 

Il primo concorso di poe

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Austu 2019

 Lorenzo Iddau, sacerdote e ministro della parola poetica in limba                         

Il sacer

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Austu 2019
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – SANTUAINI 2019

 L’armoniosa limba del Logudoro nella genuina voce poetica di Tetta Becciu

 Le composizioni di Tett

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – SANTUAINI 2019
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Triulas 2019

 I versi in rima di Francesco Chiccu Castia, poeta di Bortigali

Bortigali, uno dei più importanti c

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Triulas 2019
 

Pagina 1 di 18

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon