Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

Poesie in Sardo

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – LAMPADS 2019

 Antoni Puddu: poeta illoraese del ‘900

Antoni Màuru Puddu (Illorai 1901-1984), figlio di Pepe Micheli e Maria Pasca Pisanu, è stato uno dei tanti sconosciuti cultori della tradizione lirica sarda del ‘900 ispirata dalle esaltanti disputas in otadas dei poeti estemporanei. Nel 1926 sposa Pepa Dore, da cui avrà quattro figli (Pepe, Zuanna, Fina e Mario). Al lavoro di contadino-pastore e agli anni del richiamo militare -prima nel 1937 in Africa e successivamente “… sa gherra ‘e su Baranta/ cumbatindhe in Narcao e Abbasanta.//”-concilia il lavorio e coltivo meditativo con composizioni in rima di sostanziale qualità e di ricca varietà tematica. Antoni Puddu, lettore interessato degli autori classici in limba e delle pubblicazioni poetiche di Sardigna Poetica e S’Ischiglia, conquista una certa notorietà locale da “poeta” con le frequenti poesie d’occasione (dagli anziani illoraesi vengono ancora ricordate le puntuali e “spassose” composizioni in occasione dei rinnovi del consiglio comunale locale, con la descrizione caricaturale dei candidati ) e le più impegnative cantones a carattere ironico-satirico. Sa cantone de sa ‘istrale (1962), suscitata da un furto realmente subìto, è “successo” cantato in ogni pinneta e cuile di Illorai per svariate stagioni: segna la consacrazione popolare del maturo poeta a taulinu del piccolo centro del Goceano. Sul finire degli anni ’70, attraverso diverse composizioni rigorosamente in rima, sostiene appassionatamente e con vigore ideale la raccolta di firme a favore della proposta popolare de leze pro sa limba sarda. Antoni Puddu, come tantissimi suoi contemporanei, ha considerato tradizionalmente e in assoluto letterariamente sarda e valida la poesia caratterizzata dalla rima e dalla metrica. Convinto appassionato dei poeti estemporanei, a cui riconosceva un ruolo importante di funzione sociale e culturale, identificava nella versificazione delle gare poetiche il più appropriato modo di esaltare il linguaggio popolare del mondo agricolo e dei pastori.

 

SA CANTONE DE SA ‘ISTRALE

A chie mi ch’at furadu sa ‘istrale

Lu cherzo frastimare cun dolore:

Siat massaju o siat pastore

Chi no s’agatet a Pasca ‘e Nadale!

A chie mi ch’at furadu cuss’atretzu

Chi a mie mi at irmaniadu,

Si che colerat puru s’annu ‘etzu

Chi su nou no lu ‘idat comintzadu!

Dadu  chi ai cussas furas est avetzu

In domo chi l’agaten mortu male!

 

Meritaia isfogu pius bellu

Si diere isfogu a sa cantone.

Sempre furendhe in donzi ocasione,

Ca sun de sos onestos su frazellu,

De fartzones, bistrales e rastrellu

Lu potan imputare in su penale!

 

Candho l’adoperas sa ‘istrale mia,

Siat in cumonale o in tanca,

Pro ti connoscher cussa balentia

Su primu corpu l’iscudas a s’anca!

Siat in vetura o in ferrovia,

Chi lu trasporten a carch’ispidale!

 

In s’ispidale, professores, monzas,

Infermieras e infermieris,

Candho lis contas totu sas birgonzas

Ti naran: “No fetas su chi as fat’eris!

A fagher bene bisonzu proponzas

E a restituire sias puntuale!”

 

-Caru babbu it’odiu e rancore

Pro bos aer furadu una ‘istrale!...

A lu ‘ider in manos de dutore

E nemmancu a curtzu a s’ispidale!

L’ischides chi no cheret su Segnore

Fagher unu simile augurale,

E bois, babbu ‘onu,

Bos prego li diedas su perdonu!

 

-Si tue naras a lu perdonare…

Si bi l’ischo l’imbolo in carchi fossu!

Ap’a chircare de lu guastare,

Antzis si poto li dao a dossu!

Candho as bisonzu de ti caentare,

Lea sa linna e sègal’a mossu!

A tie già ti paret unu zogu

Ca ti l’at’eo sa linna a su fogu!

 

-Si bos aeren furadu unu mannale…

-Ello proite, a bi lis devia?!

-Pro bos aer furadu una ‘istrale…

-Ca l’aia pagada e fit sa mia!

-Ndhe comporades un’àtera uguale…

-Si bi podet torrare àtera ‘ia…

-Bellas e bonas bi ndh’at in totue…

-Si t’acoritzas chi las pagas tue!

 

Béssimi ‘eretu, no seghes sas ancas!

Caru fizu no l’apo contr’a tie,

Ca si l’aere in mesu ‘e francas

Lu pistao comente a su nie.

Cussu ndhe faghet cunzados e tancas

Pro ca est un’ungrudu abbituale!...

 

Sa ‘istrale pro me fidi adata

Chi a fura prana mi at disarmadu.

Li ponzat puntas de dolor’e mata

Bortas cantas ap’eo frastimadu!

E si mannu a betzu si agatat

No li restet de àteru valore.

 

-Ancora, babbu, in sa discussione:

Como est tropu! Cagliade, mischinu!

No azis pérdid’unu millione:

In paragone est unu sisinu!

Già bolla fat’eo una istrazone:

Andho ‘eretu e lu naro a Gavinu*,

Già bolla pago de ‘inari meu,

No frastimedas, ca no cheret Deus!

 

-Si tue andas a Cossu Gavinu,

Chi cun màniga siat sa ‘istrale;

Si bi ndhe tenet de marca “Rubbinu”

O a fogu li fetat su signale;

De totu a l’ispiegare apas pidinu,

A bortas chi bi torret cussu tale.

Si ‘e li narrer custu ti ndhe cùasa,

Invetz’e una ‘istrale ndhe at dùasa!

 

Caru fizu, no fidi su valore,

No c’at fatu fortuna a s’irrichire:

Ma lu cheria solu avilire

Pro s’imparu ch’at tentu a minore.

E tandho ti’esser deo su pecadore,

A narrer tou mi devo pentire?

Daghi ‘e cussu as cumpassione,

Impàrami s’atu de cuntritzione!

 

-Pro cussa ‘istrale chi mancante,

Bàstechi a frastimare este feu!

Babbu, perdonade s’ignorante:

Sa paga l’at a benner dae Deu.

Bois puru ‘e pecadu sezis reu

Ca sos frastimos sun tropu pesantes,

Ca su frastimu no bàtidi frutu.

Bois puru in pecadu sezis rutu!

 

-Si agato su retore in sagristia

Andho e fato sa cunfessione.

Ite pecados de cussa zenia?

Si apo pecadu est imprecatzione.

Unu babbu nostru e tres avremmarias

A Cristos pro sa morte e passione;

De sa rughe mi fato su signale

Pro cussos pecados veniales.

 

Mi so dispostu de lu perdonare

Ei cussu chi si potat cunvertire,

No fia eo in cherta ‘e l’isparare:

A Deus est chi tocat a bochire!

B’est su cumandhamentu a no furare,

E si at furadu a restituire.

Già lu perdono, e no apet anneu:

Gai matessi lu perdonet Deu!

 

*Gavinu, est unu de sos frailarzos de Illorai. 

 

PRO SA LIMBA SARDA

Eo chi so de su Goceanu

Sa limba mia mi est prus a coro,

Si fit a modu ‘e bos dare una manu

Za proponia sa ‘e Logudoro;

Med’apretziada est sa de Nuoro,

Sa mazor parte sa ‘e Campidanu:

Carchi die chi mi càpito ‘e passazu

Deo m’agato cun donzi limbazu.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – MAJU 2019

 L’universo lirico in campidanese di Vincenzo Pisanu

Le pregevoli liriche di Vincenzo Pisanu, sono

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – FREARZU 2019

 Raimondo Bechere, l’aedo del Goceano

Chi ha letto o sentito declamare le composizioni del poeta Rai

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – FREARZU 2019
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – ABRILE 2019

 NIGOLA PALA: LA POESIA DELLA VITA QUOTIDIANA DI NUGHEDU

Nughedu  S. Nicolò, piccolo centro ad att

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – ABRILE 2019
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – ZENNARZU 2019

 Le Rimas del poeta e ceramista dorgalese Lorenzo Loi

Una raccolta di poesia è sempre da considerar

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – ZENNARZU 2019
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – MARTU 2019

 Ricordo di Pasquale Dessanay a un secolo dalla scomparsa

Pasquale Dessanay (Nuoro, 1868 – Uras, 1

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – MARTU 2019
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – NADALE 2018

 Le poesias e canzonis a sa moda campidanesa di Federico “Fideli” Lai

Federico “Fideli” Lai, nato

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – NADALE 2018
 

Pagina 1 di 17

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon