Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

Poesie in Sardo

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Maju 2017

 LA POESIA DEI MARRAS DI BONO

Per i Marras di Bono (SS) la massima ereditarietà, trasmessa attraverso la genetica familiare, è la caratteristica proprietà della poesia; l’affermazione è motivata dal ricco coltivo poetico che accomuna e lega, in modo indissolubile, i vecchi poeti tiu Remundhu e tiu Mario ai noti Pinuccio (1924-2010), Pietrino (1925-1979) e Nicola (1960-2002), figlio del poeta-romanziere.

Pinuccio Giudice Marras è vissuto principalmente a Macomer, dove si  era trasferito giovanissimo da Bono per svolgere la professione di ferroviere. L’istinto e passione lirica, coltivata con abilità nella poesia in rima, gli viene dal ceppo  materno dei Marras. La sua produzione è raccolta nelle sillogi Sonnios de lugura (Cooperativa Grafica, Nuoro, 1986) e Lampizos de assulenu (Solinas, Nuoro, 2002). Eccelle principalmente nella composizione di pregevoli sonetos. Esprime complessivamente una “bella poesia” di  “versi limati con abilità e maestria”.

La fama da letterato di Pietrino Marras, professionalmente insegnante elementare, è legata ad importanti riconoscimenti poetici conseguiti al premio “Ozieri” e alla pubblicazione di due apprezzati romanzi (“Le pietre bianche” e “L’altro volto”); l’opera Le pietre bianche “racconta la sua prima esperienza di insegnante degli adulti in una sperduta frazione dei salti di Alà dei Sardi. L’autore riesce a restituire intera la suggestione di una società che resiste al tentativo di osservazione da parte di una cultura esterna e si rivela, invece, pienamente a chi mostra di volerla osservare dall’interno con animo partecipe”. Tante ancora le prove poetiche e  narrative inedite, meritevoli di necessaria pubblicazione.

Nicola Marras è autore della breve e intensa silloge “Mulini a vanvera”, pubblicata postuma da Libroitaliano Editrice Letteraria di Ragusa. Nicola sperimenta varie attività lavorative finché riesce a conciliare le passioni per la fotografia e i viaggi, impiegandosi sulle navi di crociera. Scrive versi che, letti ora, sembrano premonitori; riflessioni e analisi sono rievocazione delle tormentate esperienze dell’io individuale e ne esprimono con immediatezza lirica le contraddizioni e le consapevolezze della fatica esistenziale. Il furore civile, gli affanni della vita, le giornate ripetitive e i problemi della quotidianità all’interno di una comunità tra passato e presente, come quella goceanina, sono talvolta smorzati da una caratteriale e innata ironia. I versi spesso scandagliano tra i valori e passioni umane che trovano vigore e si alimentano del rapporto con gli elementi della natura. Opera capace di rappresentare la realtà e il male di vivere con fulminee sofferte intuizioni sulla condizione dell’uomo moderno.

 

Sardigna: deris e hoe

de Pinuccio Giudice Marras

 

 

Che unu lidu d’albòres amènos

Brìllas hoe che deris, terra mia

esposta a donzi ’entu ’e tribulìa,

ma digna ’e orizontes... prùs serenos.

 

In sos “quadros” de sa tua istoria

bi distingo Nuraghes millenarios,

meres intrusos e... feudatarios ...,

lùghes e umbras d’epoca antigoria.

 

Sardigna ’e deris ... cantas tirannìas

che ambisùas ... than suttu sas venas!!

Cantu che perla, pro ’ulas anzenas ...

tis allettante chin sièndas bìas!

 

Tando, de mandras carcas sa funtana

fis, tue, ricca ’e buscos e pasturas:

fis giardinu de fruttos e colturas,

camp’ ’e filare e tesser linu e lana.

 

Ti ses mustrada bànzigu ’e talentos,

ffiama d'eroes, de zente ospitale,

arca ’e limbazos d'arte geniale,

meritosa de lòdes e ammentos.

 

Hoe, ses un’incantu in sas marinas

ses fiera “Autonoma Cussurza”,

ma ses puru un’arcana paschidorza,

tuddìda ’e sequestros e rapinas.

 

M’iscurigat su coro pro ch’abbundas

de lìnfas de tristura in sas campagnas,

inue fogos, traschìas, siccagnas,

t’agghèjan sas piàes già profundas.

 

Sutta s’arcu ’e  s’industria e progressu

ti dàn turmentos sos disoccupados,

e t’aggiunghen sos Sardos emigrados

’alanzos d’amargura in donzi èssu.

 

Sas nòas vias ... “Prèndas de valore”,

chi has hoe che grazias lobradas,

non ti lùghen che tùlas lentoradas

nè che andèras de paghe e amore!

 

Mèdas, però, in cust’era moderna,

t’ ’ìden che nidu ’e bramas e isperas,

e chèren creere ... chi nò resulteras

destinada a “Colonia eterna”!

 

Lampizos d’assulenu

de Pinuccio Giudice Marras

 

Lampizos d’assulenu, chi m’affranzan,

mi dan ranzas de gosu e potto intesser

tramas de rimas; chin s’ispera d’esser

che poeta ue issas m’accumpanzan.

 

Cando sa janna ‘e sa mente m’iscanzan,

bessin sos pessos mios, pro resesser

a lear  ‘olu, chena ch’isvanesser

ue sos bentos de solitu istranzan.

 

Si chin filos de ‘oghe ancas mi rezen,

bramo chi medas sigan a m’intender

fintzas si fados pagu mi protezen.

 

No biso laros, ne amo pretender

bantos pro su ch’iscrio; e si lu lezen,

lampizos d’assulenu… cherzo azzender.

 

 

 

 

Canta, funtana

de  Pietrino Marras

 

Mascara senza risu.

Fozzas de filighe in su muru antigu.

Canta, funtana, canta.

Limba ‘e prata arcada

e contados de sempre,

paristoria ‘e su tempus senza fine.

Canta.

Francas malaidas de crabufigu

subra sa fronte tua,

mascara senza risu.

Lagrimas frittas in sa pedra lisia,

pupas in mesu ‘e s’erva

chi faghen de ograda a sas istellas.

Canta , funtana, canta.

 

Disizzos de bassura,

amore ‘e logu nou,

brama ‘e reposu in s’addhe senza sole.

Canta.

In donzi ‘uttiu chi lughed

un’iscutta ‘e vida,

una lagrima pranta,

un’andhare, andhare, andhare

senza torrada.

 

Riet su calarighe in sas cresuras

candho torrat beranu.

Pranghen sas ervas noas a donzi sole

lagrimas de saurra.

Canta, canta.

S’ardu areste

s’arziad in sos campos brusiados

che conca incoronada minettendhe.

Sas fozzas de sa ide isorfanada

sambenan tristas in sa costa nuda.

Canta, funtana.

S’unfiat sa castanza in s’ispunzola.

Falat su nie ei sa terra morit.

E tue canta.

 

(Chie ischit sos segretos chi cunfidana

sas undhas a sos codulos passendhe?

Sos disizos

chi traen s’aba a sas calancas frittas?

Frimmadi e ascurta:

limbazzu ‘e sa natura

intesu dae tottu

e notu solu

a chie prus l’istimat.)

 

Troppu larga sa ‘ucca

‘e sa maschera ‘ e brunzu chi no ried,

ei sa  ‘oghe tua troppu impressada

in sos contos de sempre.

Succutturos de vida,

buttios de suore e de piantu,

disizzos de bassura,

amore ‘e logu nou,

brama ‘e reposu in s’addhe senza sole.

Andhare, andhare, andhare

senza torrada.

Tue,

funtana, canta, canta, canta.

 

Efix

de Pietrino Marras

 

Donna Ruth, Donna Ester, Donna Noemi.

Figuras senza tempus,

imprentadas

in cassias de chercu chin s’isgubbia.

E tue, Efix, teraccu senza paga,

chin sa bertula garriga ‘e rimursos,

Efix, camina.

Peri campos abertos

ue s’arzat froridu s’iscrareu,

subra sos montes aspros

ue han vida sos elighes nieddos

che pantasimas malas,

ti pessighidi andende

s’anima ‘e Don Zame,

sa maligna

anima senza pasu

e iscramat vinditta e penetensia.

 

Efix, camina.

Corrasi, Bella Vista, Monte Uddè.

Efix, camina.

S’anima t’es fattu

e allonghiat sas francas  dae onz’ala.

Bardia, Santu Juanne, Monte Nou.

Onzi tuppa  ‘e mudregu

unu rimursu acutu,

unu peccadu nou a donzi passu

e unu signu ‘e rughe.

Longu es su caminu e malu, malu

ma no bastad ancora

a iscontare tottu sos peccados.

Sos peccados

s’iscontan prima  ‘e tottu in custa vida

e in s’atera poi.

Su samben ch’has ispartu

subra su monte ‘e Galte

domandat penetensia, penetensia.

 

Efix, camina.

Peri campos abertos

ue s’arzat froridu s’iscrareu,

subra sos montes aspros

ue han vida sos elighes nieddos,

rimursos appostados,

camina, Efix, camina, fin’a cando

sutta su pesu ‘e tantu penare

t’enin mancu sa forzas in caminu

e rues chin sos ogros a su chelu

e sos pes a sa janna.

 

Como has pasu.

Su penare es finidu.

Lughene in su caminu attraessadu

sos ranos de su trigu ei sos fiores

de isperanzias noas.

Tue has fattu.

Su viazzu cumpridu ti ch’hat zuttu

a inue s’appianan sos cuntrastos

e umpare brindan meres e teraccos.

Gai, a sa muda, in punta ‘e pes lezzeu

leas ateru viazzu, senza fine,

in campos senza laccana

ue s’arzat froridu s’iscrareu

e murmuran sas cannas a su entu.

 

Voglio restare qua

de Nicola Marras

 

Voglio restare qua.

Essenza e anima di pietra

che mi grava sul petto.

Occhio pieno di vento

cancrena  e anima di questo solco.

Voglio dormire tra queste zolle

in estasi infinita.

Vita e anima di questa terra.

Rifugio e anima di questo seme

e risvegliarmi o spiga o fiore o radice.

Luce ed anima dell’ultima sublimazione.

 

Prima che il buio spezzi

de Nicola Marras

 

Prima che il buio spezzi

la pietra che mi sorregge…

 Prima che il silenzio

avveleni le mie pupille…

Prima che il fiume nero della notte

trabocchi nelle mie vene …

Prima che il gelo spezzi le ali

alla rosa dei miei desideri…

Prima che il sorriso della morte

faccia l’occhietto al mio specchio…

… voglio respirare l’aria di tutti i venti

    bere un sorso da tutti i mari

    sorridere alle stelle di tutte le vette

    suggere il nettare di tutti i capezzoli

    carpire i segreti di tutte le sfingi…

Voglio tutto abbracciare

avanti del primo rintocco d’agonia.

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Abrile 2017

 Aquilino Cannas: cantore di Cagliari e della sua gente

 Aquilino Cannas (Cagliari, 1914 – 2005)

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Abrile 2017
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu - Zennarzu 2017

  Giuliano “Biglianu” Branca

Giuliano Biglianu Branca (Sennori, 1919 – Sorso, 2002) è stato un es

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu - Zennarzu 2017
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Martu 2017

 Pompeo Calvia: il poeta di “Sassari Mannu” e de “Li Candaleri”.

 Il sassarese o turritanu - la cui

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Martu 2017
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu - Dicembre 2016

 Salvator Angelo Spano: politico e letterato di grande umanità

Salvator Angelo Spano (Villacidro, 2

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu - Dicembre 2016
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Frearzu 2017

 Pietro Mura, innovativa personalità poetica

Pietro Mura, personalità poetica singolare e innovati

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu - Novembre 2016

 MONTANARU: “EST UNA NOTTE ‘E LUNA”.

 

Antioco Casula (Desulo, 11 novembre 1878 – 3 marzo 1957), u

 

Pagina 1 di 14

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon