Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

HomeStoria e CulturaIn LimbaPoesie in SardoSu mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – LAMPADAS 2020

Poesie in Sardo

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – LAMPADAS 2020

 Pasquale Ciboddo, poeta della cultura di li stazzi gaddhuresi

 Pasquale Ciboddo, nato a Tempio nel 1936, è tuttora legato alla sua campagna gallurese de l’Altura e alla proprietà familiare dove, conciliando il lavoro di insegnante e l’attività lirica-letteraria, ha sempre svolto le più svariate mansioni da coltivatore e allevatore con competenza e passione. Le sue raccolte liriche sono un palpito sublime di alta poesia, in cui si riassapora un sentimento  di sofferenza e senso di malinconia per il mondo unico di li stazzi. Il ricordo è nostalgico, e spesso di vivo rimpianto, per i trascorsi anni che sono profondamente radicati nell’affetto dei ricordi e dei costumi, morali ed esistenziali, di una tradizione e condizione di vita ormai lontana. La vita degli stazzi diventa, per il maturo poeta, oggetto di storia identitaria e di valori  della solidarietà comunitaria; i versi  armoniosi, di vigore essenziale, fissano il tempo passato con intensità e densità di significati e di esperienze. Ciboddo è autore di grande capacità, di inesauribile lirismo e forza evocativa nel “lavorare” la parola poetica con la filosofia vitale appresa “alla scuola della campagna di li stazzi gaddhuresi”,  che alimenta di valori culturali ed umani indelebili; la memoria rurale e la sua magica atmosfera, le genti e i luoghi, vissuti nei contatti giovanili ed operosi del poeta, sono traccia viva e simbolica presenza nei suoi versi: mappa testimoniale fatta di sentimenti, di località e momenti dell’anima cresciuti a tesoro di memoria. La poesia ha spesso lo splendore di una voce ricca d’intimo lirismo e dell’abbaglio spietato del realismo, che rivela la complessa personalità e l’intensa vita di questo grande poeta conoscitore degli stazzi di Gallura, e in particolare dell’Altura, da cui “ha trasposto nella sua scrittura tutta l’essenza contenuta nella memoria di quei luoghi”. La sua ampia produzione poetica, come sottolineato da critici come Ferruccio Monterosso, Antonio Piromalli, Leonardo Sole, Giulio Cossu e Franco Fresi, lo colloca tra i rinomati cantori dell’identità tradizionale della Gallura; attenzione critica che, alcuni anni fa, aveva paventato la possibilità di una segnalazione al Nobel per il rappresentativo autore di Tempio. Il poeta ha coscienza del suo stretto legame al territorio della Gallura, e ciò gli permette di coltivare il sentiero della valorizzazione lirica della sua identità individuale e collettiva che è nella memoria: patrimonio di cultura materiale e immateriale. I luoghi poetici di Ciboddo, sotto il segno dominante degli stazzi, sono ambienti di incontri e convivialità antica, di rapporti di amicizia e di condivisione umana e sociale dove la sacralità della parola, plasmata in poesia, si inserisce per esaltarne valori e proporre messaggi di pace e di civiltà. Il consolidato ruolo poetico  del nostro autore, già vincitore de premio “Ozieri” con il componimento Di tandu, è certamente da registrare come voce schietta di originale vena per rappresentare tutto il territorio della Gallura. In altra occasione avevamo definito Pasquale Ciboddo “testimone e voce delle consuetudini della civiltà degli stazzi”. Oltre alle numerose pubblicazioni bilingue, in versi e in prosa, ha curato studi sui preziosi e saggi detti popolari e l’importante “Dizionario fondamentale gallurese-italiano”.

 

Semu subbitu ‘ecchj…

Come la tarra nostra di ‘Ignòla

poara pa lu ‘entu e pa l’asprìa,

battuta da lu sòli a mani e a séra,

cussì la nostra ‘ita: poara e sòla:

una fruédda grama di custéra

battuta da lu ‘entu e mai fiurita.

 

Semu subbitu ‘ecchj…

Come li suari di chista Gaddhura,

chi créscini pa dà a lu Maistrali

lu fiancu di la meddhu ciuintura:

ventu di mari ci strappa li frondi,

unda di ‘jélu ci stronca li rami

e di lu stiu ci sicca la bura.

 

Lu ‘eru paradisu illa tarra

No è lu campà

d’abà

senza nuddha di bonu,

chi no è né felicci né infelicci,

ch’è la ‘ita, e basta.

E no è nemmancu lu tempu

ch’ha di ‘inè

siguru e invitanti.

Era piuttostu

lu mundu di li stazzi,

undi socu natu e crisciutu,

riccu di cioia

e libbaru da noia,

lu ‘eru paradisu illa tarra.

Una fitta di passatu

chi no sarà mai sminticatu!

Ogghj s’ha tuttu

e no s’ha nuddha.

Undi so’ li sani princippi,

li ‘alòri umani, la saittù

di li ‘ecchj patrialchi di campagna?

E undi agatti

lu sintimentu di l’amicizia,

in una civiltài

cussì indiffarenti.

 

Come santi in pinitenzia

Arriàani guasi sempri

a l’ora di magnà

li mezi macchi,

li dimmandòni,

li sbulandàti

cun li ‘istiri stracciati

e, a volti, tutti infusi

a li casi di li stazzi.

Ed erani li benvinuti.

Accetti e ben vuluti

pusàani in banca

a fiancu a li patroni

come parenti tinuti

o come amichi boni.

No si figghjulàa

mancu a lu fiacu

chi aini in dossu.

Si tinìani proppiu

come santi in pinitenzia

falati da nicchj e altari

a scuntà lì so peni.

L’omini manni di primma

 calculàani li poari

e li ricchi caduti in miseria.

Abà no ci sò più.

 

La mappa

La mappa agghju paldutu

di la mé ciuintura

e no s’agatta

tratta

pa turrà in darétu.

 

Mi suvveni in un sonniu chi lachési

pezzi di ciuintura illi lamagghj

bòci di cuntintesa illi muntigghj,

paltìcculi di ‘ita illi rasitti

pa brincà illi laccani pruibbiti.

 

E lu fòcu ha brusgiatu lu rustugghj

undi lu mé sudòri

cu l’ea di lu còri

semp’invanu agghju spaltu 

e cu iddhj li zappuli stracciati,

come fiocchi di lana illi caldicci,

di la mé piccinnìa spésa ‘n vanu.

 

E no torru ‘n daretu chi lu fòcu

laca solu chisgina senz’ammentu.

 

Caminendi illu ‘entu a occhj a mari

dapòi di cincu chiti agghju ‘ncuntratu

un fòcu spintu a pédi d’un altari

cu un agnulu moltu a mani in gruci.

 

Abbandonu

Muru a siccu di lu mé’ stazzu anticu

mani gaddhòsi t’hani suppisatu

e cu la lama ti sé’ intricciatu

pa salvà lu laòri.

 

Muru, sé’ divintatu la bandéra

di chista pualtai chi no ha fini,

d’un trabaddhu chi isfini e no ha luci.

E lu laòri aba’ è abbandunatu:

nasci lu mucchju und’éra lu sedu.

La ciuintura sinn’è ghjà andata

ed éu felmu pusatu illa mé’ ‘janna

a pignì l’abbandonu.

 

Muru a siccu, sé’ come lu tulmentu

di chista tarra ingratta

chi no ha né pruvettu né talentu.

Sòlu la zirichelta ésci a lu sòli

e, felma illa tò’ pétra, godi un ventu

chi polta lu profumu di li fiòri.

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon