Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

HomeStoria e CulturaIn LimbaPoesie in SardoSu mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Austu 2019

Poesie in Sardo

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Austu 2019

 Lorenzo Iddau, sacerdote e ministro della parola poetica in limba                         

Il sacerdote salesiano don  Leonardo Iddau di Villanova Monteleone, classe 1929, è un raffinato poeta in limba di grandi valori e fraternità. Attualmente vive presso la “Casa Madre”, sorta intorno al primo oratorio stabile creato da San Giovanni Bosco, nel rione Valdocco di Torino. Da sacerdote-poeta è doppiamente ministro del “sacramento” della parola, dove l’esercizio e capacità di coltivare e recepire il senso della parola poetica presuppone un’intima affinità e bellezza con la profondità della parola di Dio.

Come ha avuto modo di scrivere Romano Borrelli, per la Rivista Maria Ausiliatrice, don Leonardo “È simile ad una spugna. Trattiene e restituisce. È una carta assorbente di vita che regala, senza gelosie. E dona attraverso la poesia. A tutti. Lì dentro, c’è vita da leggere.” Il tema ricorrente nell’ampia produzione lirica, raccolta in due volumi editi dalla Soter (Fiores de ammentu e Cantende in Logudoro, pubblicati rispettivamente il 2009 e 2011) è il mondo della nativa Villanova Monteleone di cui scruta la vita, la natura, la cultura ed “il sentire degli uomini e degli animali” con i tanti valori comunitari di memorie da tramandare e ricomporre, per delineare il senso di appartenenza e le diverse specificità del vivere sociale. Le liriche di Iddau, artefice consapevole della sua capacità creativa e dell’incanto musicale generato dalla limba del Logudoro, rappresentano un momento dello spirito e suggestiva ispirazione per realizzare, in contenuti e forme, l’identità della memoria. Diverse composizioni sono rivelatrici dell’autentica originaria spiritualità che esalta le attività umane della quotidianità e dove “convergono” gli “uomini e donne, vita e lavoro a Villanova”; dove s’identificano la ricchezza di valori e la cultura di una comunità, di un popolo. Alla poetica e pubblicazioni del sacerdote hanno rivolto particolare attenzione diversi intellettuali e critici letterari, tra gli altri Paolo Pillonca e Salvatore Tola.

 

A Remundu Piras su poeta

Si Delogu*, in bidda, at fattu proas

cun-d-un’opera rara cantu s’oro,

Remundu at abertu unu tesoro

abbundante che cantaru ‘e Sas Coas.

 

Pro cussu, dogni ‘ischente ‘e ‘Iddanoa,

diventadu poeta in Logudoro,

nd’ischit bogare da intro su coro

sa prosa antiga cun sa rima noa,

 

cun-d-un’incantu de meraviglieris.

Si àtteros poetas dat su mundu

tantu mannos cantu sos de deris,

 

pro cantu abbratzat terras totu in tundu

sa limba, nostra in logos furisteris,

chi los fettat ladinos che Remundu.

 

(*Giuanne Delogu Ibba, rettore de ‘Iddanoa Monteleone, at pubblicadu un’opera de poesias varias s’annu 1736.)

 

Piatta ‘e Creja

Est isparida sa pedra bianca

chi fut signale a una barriera;

sa pitzinnada, unida a parte ‘e sera,

currìat che puddedros in sa tanca.

 

De cuddos chi gioghian sa bandera

paritzos sunu mortos o che mancan;

ateros sun in terras foristeras

tribulende sa vida, in zona franca.

 

Sa gioventude passat cun sos giogos,

restan solu sos betzos in Piatta:

ch’isparit totu cantu in custos logos

 

a calicunu paret cosa fatta;

ma forsi in custa terra non s’agatat

mancu pedras chi fun de sorres Sogos!

 

Mutos de sarmentu

Duos saligheresos in retardu

s’àtteru die de Santu Nenardu,

dae su Pischinale a s’Alighera

che sun calados nende: “Trullallera”.

A caddu in sedda, faghinde caminu,

ispilinde sa cotta de su ‘inu.

Da ch’an buffadu abba ‘e Paradisu

si ponen a cantare a s’improvvisu

sa rima sarda ‘e su bo-boro-bò:

“E fattu at bene, ciù Salvarò,

chi at pafadu su ‘inu a chimbanta”.

S’atteru mastulende, puru cantat

faghinde a sa torrada unu tzoccu:

“E nois mandigamos su bistoccu

e la cantamos in bo-boro-bò!”.

E fattu at bene, ciù Salvarò.

 

Ninna nanna ‘e Logudoro

Comare ‘e Logudoro

 cantende a boghe manna

che pàssaru in sas cannas,

bola’ola

m’affinades su coro

cun cussa ninna nanna

in s’oru de sa janna

a boghe sola.

 

Sedattos cola cola

tenen su motu frimmu

cantu su primu sinnu

de s’amore;

ma sa manu ‘e s’ispola

cheret dare carinnu

a unu bellu pitzinnu

dormidore.

 

Cantende in tenore

cun cussu bellu tonu

mi paret unu sonu

‘e pitiola,

subra Monte Majore

chena cura ‘e padronu

lassada in abbandonu

che crabola.

 

A lassades sa mola

sedattos e farina

chi fettan sas faìnas

pro intantu

sas fizas de s’iscola

bellas che calarinas:

ca su coro m’affinas

totu cantu.

 

Intendo su piantu

de su pitzinnu solu,

lassadu in su brajolu

a sa cua:

non cheret pius cantu

de dultze rossignolu,

ma chircat su consolu

‘e mama sua.

 

Resta non ti che fuas,

amada filumena,

sighi sa cantilena

‘e sa ninnia:

sa melodia tua

non solu lenit penas,

ma s’anima incadenas

tue ebia.

 

In custa terra mia

cantat finas su ‘entu

giughinde su lamentu 

fina a mare:

ma custas poesias

pàsene unu momentu

si su fizu est cuntentu

de comare.

 

Si ponzan a toccare

s’est chi nde tenen gana

ma finas sas campanas

de sas biddas,

sonende totu umpare

vicinas e lontanas su

cantu ‘e sas bajanas

e pobiddas:

 

“Ninna ninnìa oho

– mama cantat a tie –

custa bella pitzinna

la do a chie?

Ninna ninnìa oho,

custa bella pitzinna

a chie la do?”

 

“Ninnìa oho e ninna:

la do a chie

sa bella pitzinna?

Ninna oho ninnia,

la do a chie

sa pitzinna mia?

Ninna ninnìa oho

 – mama cantat a tie –

custa bella pitzinna

dala a mie!”.

 

Accunortu

Non nerzas chi mi nd’importat niente,

cando ‘e tristura pienu est su coro!

In chirca de trabagliu e de oro

fuinde si che sun  in Continente.

Sa campagna restada est sentza zente,

totu desertu paret Logudoro.

Ma bi restan sos montes, su riu

chi appo cantadu e chi m’ana ‘iu.

 

Protzessione

Pastorighende in sa punta ‘e sas Coas

it’est chi miran custos ojos mios?

Este sa gioventude ‘e  ‘Iddanoa

andende a sa creja ‘e Interrìos

su die de sa festa ‘e Sas Marias.

Bestidos de biancu sun sos tios

fattu ‘e sa rughe de sa Cunfrarìa

a passu lentu nende sa noìna:

sos Sòtzios de sa fèminas pias

cantan in coro una Salve Regina

chi consolet sos mortos ei sos bios.

 

 

 

 

                                                      

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon