Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

HomeStoria e CulturaIn LimbaPoesie in SardoSu mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – SANTANDRIA 2018

Poesie in Sardo

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – SANTANDRIA 2018

 Giulio Cossu: illustre poeta e raffinato intellettuale di Tempio

Giulio Cossu, nato a Tempio il 1920 e scomparso il 3 dicembre 2007, è stato stimato insegnante e preside del Liceo classico cittadino “Giovanni Maria Dettori”.

Appartenente ad  un’agiata e nota famiglia di industriali sugherieri, frequentò prima il liceo locale e proseguì poi gli studi a Firenze, dove conobbe diverse personalità e letterati della cultura nazionale. Si laureò in Sardegna nel 1943, a Oristano in quanto Cagliari era semidistrutta dai bombardamenti, discutendo la tesi con l’esimio Giovanni Lilliu. Da colto e rigoroso letterato collaborò, con vivace passione, alle riviste “Riscossa” e “Ichnusa” e alla terza pagina del quotidiano “L’Unione Sarda” . Considerato a ragione, secondo Franco Fresi e non solo, uno dei poeti “più importanti della Sardegna”; relativamente alla parlata gallurese “fu di certo il più autentico dopo don Gavino Pes, noto Don Baignu, suo ispiratore e modello”.

Intellettuale raffinato, ed apprezzato conferenziere, ha rappresentato con costante attivismo (attraverso poesie, racconti e articoli) la Gallura e la “galluresità” nelle vita culturale sarda. Appassionato cultore della tradizione poetica in gallurese “ha attuato una normalizzazione grafica che è stata poi accettata dagli altri scrittori”. Fondatore e presidente del movimento “Nuova Cultura” a Tempio, favorì la crescita e l’affermazione di un valido gruppo di poeti galluresi (Piero Canu, Pasquale Ciboddo, Franco Fresi, Francesco Mannoni, Paola Pilo Mele, Gianni Tamponi).

Tantissimi i riconoscimenti letterari conseguiti dal Cossu, tra gli altri il primo premio all’Ozieri 1975 con la lirica Paesi e il premio “Pira” per la silloge Frondi come parauli, a cui i critici riconoscevano un particolare collegamento con la poetica crepuscolare. A Tempio, nel segno della figura ed opera dell’illustre studioso, è stato promosso un premio letterario per sviluppare “nello spirito e alla lettera l’eredità morale e intellettuale di Giulio Cossu”.

                                                                                        

PAESI

Ansia di paesi poaru, casi di petri ‘icini,

sureddhi in disisperu, senza lussu e calcina.

Acciuttulati murini di stritti

sutt’a unu celi chi no ha fini.

Mi dummandu

cos’è chici la ‘ita:

disiciu d’un altu dumani,

disiciu d’un altu pani

chi legghju in dugn’occhj mutu

di ghjenti pusata a lu soli.

Aspittà in biddhuti sculuriti

l’invitu chi veni da la tarra

cu la so’ alba spinta

pa’ li cheddhi famiti.

O chist’arricà l’ea illa pinta

da la funtana amica,

in brocchi di ‘eldi ‘ecchju

pa’ laà l’appusentu.

Chi tuttu fussia volarìa

sonu di campana cuntentu

e tuttu gala di musiga

dapoi di lu ‘esparu lentu.

Però mi pari chi tuttu

sia illa mustra di fiori rui

chi un balcu bastaldu

faci a lu celi biaittu.

Poaru balcu,

chi come noi ha la folza,

cu la so’ furia di sangu

di fiurì comu po’,

da una simenza chi lu ‘entu,

in una petra calputa,

lacat’ha illu campanili

misaru di la ghjesgia.

 

CREDO O EPITAFFIO?

Quest’umile silenzio lo invocai

in giorni scuri d’anima smarrita,

quando con voce assidua ritrovai

fatue le poche gioie della vita

e forse meglio l’esser nati mai.

Amore non conobbi senza addio.

Sospinsi l’onda torbida del male.

Il bagliore dell’oro non mi illuse.

Nessuna religione mi convinse:

solo il mistero vidi come Dio.

E il riposo dei morti, ecco, fu il solo

vero che inconsciamente io ricercai,

anno per anno, il porto dove, chiuse

per sempre al vento dell’umano affanno,

cadono le ali tese di ogni volo.


ANNINNU DI NOTTI DI LUNA

Detimi l’accunoltu di lu pientu
chi troppi ‘olti abali m’esci a via,
candu la ‘ita no agatta assentu
e più baldanza no ha l’alligria.
Frondi chi feti musiga lu ‘entu,
detimi lu sigretu d’almunìa,
candu lu cori ha disiciu d’abbentu
palchì abbatti la malincunìa.
Sèti anninnu di notti di luna,
di spiranza dunosa lu cunsolu,
luci di stella cun pena nisciuna.
Sèti sinzeru una cadenza solu
chi boci ‘ostri accoddhi tutti in una,
canzona chi suai ha lu so’ bolu.

 

LOLGHI DI FUMU

Chi pena l’ultima sera
chena una stella ancora!
Di soli l’ultima spera
s’è ispinta mori mori
und’abà no s’aspetta
da l’umbra paci sinzera,
illa carrera, fora.
Malincuniosu un zigarru,
chici, abali, lacatu
a banda, sminticatu
come spola di tela,
fraza una brasgia stena
e a l’appusentu rigala
lolghi di fumu in bolu,
cu la flema liceri
d’un lumu di candela.
Diventani, chissi lolghi,
specchju suai d’ammentu
cun magghjni sculuriti
di tempu di ‘ita in fiori
turat’a lu pinsamentu;
di momenti sireni
d’anni d’etài minori
di li tempi passati,
cun richjami d’amori
guduti o sunniati...
Ansii di solti middhori
in ameni ‘isioni
e timpesti finuti
a ali infusi calati.
Ma invanu cussì s’agabba
di cinnara in tristu cunsumu
lu zigarru cadutu
da manu scunsulata
d’un vacchju chi prisumu
altu no ha che d’un sonnu
abali, a capu appugghjatu
a l’azza di la banca,
in signu di dà paldonu
pa’ tuttu lu chi li manca.

 

SEMINI

Esse ispica in ghjuu assuliatu,
matura e via, candu lu stiu è folti
e l'alba drommi in fenu dissucchjatu.

Spiranza esse riposta d'una solti
di semini chi drommi in cori a varru,
ma in sonniu di rinnòu, a primmaèra.

Aspittendi cunfoltu da la notti,
pensu cussì, cand'in bolu liceri
veni la sera e anninna omini e fèri...
Boci di steddhj no ha più la carrèra,
alta alligria hani li ghjanni chjusi
cun richjami di cena.

E la spica diventa la me' pena,
tandu, in ora suài,
e si sgrana illu ghjùu ch'agghju piantatu,
chena fultuna mai.
A granu a granu l'agghju accapitatu,
laurendi la 'ita a bona lena,
sempri luttendi in briu, a soli e ventu:
granu a granu di pientu,
cun canche aiciu d'abbentu,
come lu poaru babbu,
massaiu mintuatu.

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon