Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

HomeNovasPrimo PianoAsuni – “Emigrazione: passato e presente”

Primo Piano

Asuni – “Emigrazione: passato e presente”

 Sabato 30 dicembre nelle sale del MEA di Asuni si è svolta la manifestazione “Emigrazione: passato e presente” che, oltre all’inaugurazione di alcune mostre allestite nei locali del Museo dell’Emigrazione, ha proposto una riflessione a più voci sul tema.

Nel suo saluto del sindaco Gionata Petza non si è fermato agli aspetti formali ma ha posto sul tappeto alcune questioni importanti legate al fenomeno migratorio e alle conseguenze sociali che determina, primo  fra tutti lo spopolamento dei piccoli centri. Il sindaco ha rivendicato con orgoglio la scelta dell’amministrazione comunale di valorizzare il MEA, sottolineando le difficoltà di portare aventi un progetto così ambizioso. Ha poi annunciato l’accordo che ha permesso di acquisire per un lungo periodo di tempo la raccolta delle annualità del mensile “Il Messaggero Sardo” dal 1969 al 2010, che arricchiscono i richiami del MEA.

 

Mattia Lilliu, presidente del Gruppo Giovani della Fasi, la Federazione dei circoli sardi in Italia, ha  parlato dei problemi che incontrato i sardi di seconda e terza generazione a integrarsi nei circoli (quelli aderenti alla Fasi sono 70). Ha quindi parlato dei nuovi flussi costituiti da un’emigrazione qualificata.

Lilliu ha elogiato il Comune di Asuni per l’impegno  che si è assunto nel creare il MEA. “E’ un passo importate – ha detto – fa piacere sapere che si vuole mantenere un rapporto con chi è partito”.

Pier Paolo Cicalò presidente della FAES, la federazione delle associazioni di tutela, ha illustrato il ruolo svolto da queste organizzazioni a sostegno dei circoli. Ha parlato dei cambiamenti in atto anche nelle destinazione dei nuovi flussi migratori, annunciando che da poco è stato aperto il primo circolo di sardi anche in Asia, a Tokio. “I circoli – ha  detto – stanno attraversando un momento di difficoltà. E’ un periodo di ristrutturazione. Molti circoli – ha concluso – chiudono per le difficoltà che incontrano nel rinnovamento generazionale”.

Andrea Vallebona ha illustrato il progetto regionale “Sardinia Everywhere” di cui è coordinatore. Un progetto che tende a coinvolgere il modo nuovo e partecipe le comunità dei sardi nel mondo. Un progetto che vede coinvolti, con la Regione e la Faes anche le Federazioni dei circoli sardi in Italia e in Svizzera, e un crescente numero di imprenditori sardi. L’iniziativa ha già portato alla costituzione di un nuovo circolo di sardi a Londra e alla realizzazione di una serie di incontri ad Alghero, Cagliari, Milano, Berlino, Parigi, Sofia, Mosca.

In un breve saluto il consigliere regionale Mario Tendas ha annunciato l’approvazione nella legge finanziaria di un emendamento a favore del MEA che consente di guardare con più tranquillità alla programmazione delle iniziative per il prossimo anno.

Il presidente dell’associazione “Su Disterru”, Sandro Sarai, ha ricordato la storia del MEA, costituito quando lui era sindaco del paese per volontà di un emigrato, Antonio Porcu, che donò la sua casa perché venisse costituito un museo. Il suo sogno - ha ricordato Sarai – era quello che gli emigrati avessero una “loro” casa in Sardegna. “Il MEA - ha detto Sarai - deve diventare la casa dove elaborare i progetti sulle tematiche relative all’emigrazione”.

Quando si pose il problema – ha ricordato – c’erano due proposte sul tavolo: una di aprire un museo dell’emigrazione a Cagliari, nella sede dell’ex Manifattura Tabacchi, e l’altra di aprirlo ad Asuni un piccolo paese al centro della Sardegna. Il presidente della Regione dell’epoca, Renato Soru  – ha ricordato – scelse Asuni come paese emblema dell’emigrazione sarda”

Sarai ha annunciato un incontro con i responsabili degli altri musei regionali dell’emigrazione per realizzare insieme una rete museale italiana.

Tra i progetti del MEA c’è la costituzione di un Comitato scientifico che ne programmi l’attività.

La manifestazione si è conclusa con l’intervento di Gianni De Candia, presidente dell’Associazione Culturale Messaggero Sardo, che ha presentato il libro “Sardegna – La grande diaspora” in cui racconta i 40 anni di attività della Cooperativa che dal 1974 al 2014 ha curato la pubblicazione del Messaggero Sardo.

De Candia ha ripercorso il lungo cammino del fenomeno dell’emigrazione sarda che nella seconda metà del secolo scorso ha assunto le dimensioni di una vera diaspora, con una parte rilevante del popolo sardo costretto a lasciare l’Isola in cerca di un lavoro e di condizioni di vita più dignitose per sé e per la propria famiglia.

Ha ricordato che dopo la decisione della Regione di sospendere il rapporto con la Cooperativa il giornale aveva una tiratura di 77 mila copie mensili che venivano spedite in 120 paesi in ogni angolo del mondo.

La Cooperativa, per diversi anni, con mezzi propri, ha pubblicato un giornale online.

Al momento di chiudere la sede storica del Messaggero, in via Barcellona, si pose il problema di smaltire la gran quantità di materiale (copie dei giornali, documenti, foto, poesie, lettere, disegni di Franco Putzolu) che si era accumulato in oltre trenta anni di attività.

Dopo un sopralluogo di esperti mandati dalla Sovrintendenza ai Beni Culturali il materiale ha ottenuto il riconoscimento di particolare valore storico dal Ministero dei Beni Culturali.

E proprio dalla stesura di una relazione per la presentazione di quel materiale – ha ricordato De Candia – è nato il libro. Un libro che vuole essere il primo tassello di un progetto più grande e ambizioso di coinvolgere anche i circoli a contribuire con i loro archivi e le loro memorie a ricostruire la grande storia dell’emigrazione sarda, un evento – ha concluso De Candia – che ha cambiato per sempre la vita sociale della Sardegna.

  

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon