Benvenuto nel Sito del Messaggero Sardo società Cooperativa a r.l.

HomeStoria e CulturaIn LimbaPoesie in SardoLe Poesie del mese di Aprile 2012

Poesie in Sardo

Le Poesie del mese di Aprile 2012

Parlando in poesia Aprile 2012

a cura di Salvatore Tola

 

La festa di primavera

 

Con gli anni si sono accumulate nell’archivio del “Messaggero” alcune poesie dedicate alla Pasqua, festa gradita e sospirata anche perché si lega alla fine della brutta stagione e al ritorno della primavera: per questo abbiniamo qui di seguito i due temi; e insieme a un saluto inviamo anche da parte nostra un cordiale augurio a tutti i lettori.

 

PRECANDE IN CHID’’E PRAMA

 

Eccol’est Pasca,

eccol’in sa janna,

semus in tempos

de pramas e de veranu;

e soe precande

a su gener’umanu

a si uniren

sutta s’olia manna.

Po perdonaren

tant’ingan’inganna

iscambiade

istrintas de manu

comente predicat

su primu cristianu

innant’’e li daren

s’achedu in sa canna.

Michelanghelu Patteri

 

CUN SA RUGHE A PALA

Pighende a su Calvariu dolorosu

lassat in terra de sambene tratas,

flagelladu da sas feridas fatas

sa frusta de su populu odiosu.

Cantu dolor’e suore sambenosu

cun sa pesante rughe sas cumbatas;

una corona d’ispinas ingratas

sa sesta Istatzione fit penosu:

suor’e sambene a riu sucutat

a s’istremu de fortzas e dolore

fit una piaga totta sa carena.

Cue Veronica sa cara l’assutat

a su divinu Cristos redentore

esempiu dende a sa zente terrena.

Salvatore Cocco

 

SA RISURRETZIONE

A gloria sonat ogni campana

ca oe Zesu Cristu est risortu.

Pro tres dies divinamente mortu

in su Golgota sepellidu l’ana,

ma Deus cun sa fortza sovrumana

si nde pesat reu de su sacru ortu:

s’eventu gioiosu e incantu,

oe Maria cun su candidu mantu.

Cun nois ses sempr o Zesusu

e semrpe cun noi as a restare,

in custa terra pro ti adorare

su possibile faghimus de piusu.

Ca ses in su tzeleste regnu susu

costante fala a terra a pregare,

presente in dogni sardu abitadu

pro nos salvare de ogni peccadu.

Giovanni Agus Grillu

 

BATTORINA

Como cantamus una battorina

cun s’auguriu de un’annu sanu,

poi de s’ijerru torrat beranu

assora fiorit sa rosa Barnina;

gai si cantat una battorina.

Tiberio Vacca

 

SA PASCA ’E REDENTZIONE

Sa Pasca ’e nou ’e redentzione

ammentat su nostru Redentore

ch’est resuscitadu su Salvadore

poi de sa morte e passione.

Cun sentimentu e resurretzione

at affrontadu s’umanu dolore

pro sarvamentu ’e onzi peccadore

in onzi terra in onzi natzione.

Deo auguro a donzi abitadore

de si godire in serenidade tantu

sa Pasca cun paghe e cun amore

coment’at nadu s’Ispiritu Santu:

ca est resuscitadu su Signore

de tzessare sa gherra e su piantu.

Salvatore Dalu

 

SANTA PASQUA

Santa Maria, madre d Gesù,

fai che la Pasqua sia lieta,

annuncialo al mondo intero,

anche nel cuore della notte.

In questo beato giorno

donaci la certezza

che nonostante tutto

la sofferenza

non tormenti più i popoli.

Santa Maria,

donna del terzo giorno,

strappaci dal volto il sudario,

il sudario della disperazione,

fai che questa Pasqua

e quelle a venire

siano vissute in pace,

fai che le guerre siano bandite,

perché senza pace non si può vivere.

Giovanni Palmas

 

PASTORALE

Volteggiano danzando le farfalle

posandosi qua e là di tanto in tanto

su corolle oscillanti nella valle

da un soffice coperta verde manto.

Sullo stagno tranquillo della fonte

si specchia primavera nei candori

dei suoi veli argentati, e ha sulla fronte

un diadema di fiori multicolori.

Gorgheggiano gli uccelli e intorno un rio,

tra i salici fluente giù dal monte,

nell’aria irrora un fresco mormorio.

Va col suo gregge zufolando al vento

solitario il pastore, nell’oblio

del sole che muore sul roseo firmamento.

Elio Veccia

 

PRIMAVERA

Con uno scintillio di colori

la terra s’è svegliata

invitando a nuovi amori

la natura un po’ assonnata.

Da rugiade mattutine

fiori ed erbe son bagnate,

quelle gocce son perline

sopra i petali poggiate.

Cinguetta l’uccellino

sopra il mandorlo fiorito,

bela e corre l’agnellino,

il cavallo dà un nitrito.

Due ragazzi innamorati

abbracciati se ne stanno

sopra un prato appartati

augurandosi che un altr’anno

nella casa lì vicino

rida il loro pargolino.

Costantino Mele

 

BOS REGALO PRANZU E CHENA

Torrades puntuale in su ’eranu

pro mi fagher dulche cumpagnia,

sa ’ostra suave melodia

m’ischidat cuntentu su manzanu.

In custos pagos meses chi ch’istades

allegrades rundines su logu,

in atonzu dae nou tristu e solu

m’agatto cand’est chi bo ch’andades.

Eo bos istim’e bos adoro,

suffrire non cherzo attera pena:

amigas sintzeras de su coro,

eo bos regalo pranzu e chena

si cun megus istades totu s’annu

pro cantare sa ’ostra cantilena.

Salvatore Corbinzolu

 

TORNANO

Tornano dal Campidano

con le rondini del mattino

greggi e pastori stanchi.

Dilagano lungo le vie

lente armonie

con malinconici canti,

l’alba si desta.

Confluiscono fiumane di luci

in un suono di campane d’Ave Maria

che imprimono nel cuore

ariosa giovinezza.

Giuseppe Scognamillo

 

TORRAT BERANU

Torrat beranu, torran sos puzones,

cun su melodiosu cantu issoro;

s’ischidat sa natura e donzi coro

s’atzendet pro incantu ’e passiones.

Torrat beranu canta nostalgia

torrende cun sa mente a su passadu

tempus chi rimpiantos at lassadu,

ammentos caros de sa pitzinnia.

Beranu sardu profumadu ’e fiores

peri sas baddes, in donzi foresta,

beranu sardu ’estidu tottu a festa

de magia e de varios colores.

Beranu de suaves murmurios

ammantadu ’e lentore, e a istolos

torraian sas rundines a bolos

e abbas cristallinas in sos rios.

Antoni Manca

 

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon