Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

Home

Articoli

Ricordo di Gino Zasso, giornalista esemplare

Ho avuto modo anch’io di conoscere e apprezzare il rigore professionale di Gino Zasso nelle occasioni in cui, in missione in “Continente”, aveva il compito di rendere conto ai lettori del nostro “Messaggero Sardo” di iniziative culturali di qualche Circolo degli emigrati e/o della FASI (Federazione delle Associazioni Sarde in Italia).

Nelle sue cronache non si riscontravano lacune perché Gino, una volta posizionatosi nella platea della sala in cui si svolgevano i lavori di un determinato incontro/dibattito, se ne allontanava solo quando l’ultimo degli intervenuti aveva finito di parlare.

Esempio ammirevole quindi di deontologia professionale! Alla famiglia le condoglianze mie personali e della FASI.

Paolo Pulina

 

Ricordo di Gino Zasso a Charleroi

Con molta tristezza ho appreso la scomparsa di Gino Zasso, ed esprimo il mio sincero  cordoglio alla sua famiglia e al comitato del  Messaggero Sardo.

Ho avuto modo di conoscere di persona Gino Zasso nel luglio del 2004, in quanto inviato speciale del nostro giornale nell’occasione della visita del Principe Philippe e della Principessa Mathilde al nostro circolo “Quattro Mori” di Charleroi di cui ero allora la presidente.  Questa visita particolare era di carattere privato, c’è stato chiesto dalla corte di allontanare la stampa per ragioni di la riservatezza.

A titolo speciale, parlai del nostro Messaggero Sardo al quale tenevamo tanto, rivolgendo alla corte  la preghiera che fosse concessa  la presenza di un suo inviato perchè per noi non poteva mancare all’avvenimento.

Gino Zasso, partecipò a questa nostra festa coinvolto anche lui dal nostro entusiasmo. Nelle pagine del Messaggero riuscì a illustrare  con abilità la semplicità  e la cortesia del Principe e della Principessa e la nostra grande emozione di averli ricevuto tra le mura del nostro umile circolo.

am.sechi  (Charleroi – Belgio)

 

Allarme per caro traghetti

Faccio parte di quella numerosa categoria chiamata immigrati e che aspettano le vacanze per potere rientrare almeno qualche settimana a respirare l’aria che ha annusato nel nascere nella Nostra splendida Isola.
Questo è uno di quegli anni per Noi che viviamo fuori che oltre al disagio economico di vivere da immigrati e per il periodo economico che ben sappiamo Ci viene quasi negato la possibilità di potere passare qualche settimana fra i Nostri cari e i nostri ricordi.
Mi spiego meglio, quest’anno oltre ai prezzi dei traghetti proibitivi che già l’hanno scorso Ci hanno massacrato la Regione Sardegna aveva messo a disposizione alcuni traghetti Saremar con prezzi calmierati che ad alcuni di Noi hanno permesso di potere venire nella terra natia. Quest’anno ho saputo dalla Saremar navigazione che non verranno messi a disposizione per il periodo estivo alcuni traghetti e che nessuno accordo è stato fatto con la Regione Sardegna in merito a promozioni del tipo dell’anno scorso.
Non voglio esprimere per scritto quello che ho provato sentendo la notizia, ve la lascio immaginare, ma una cosa vorrei che arrivasse a chi amministra la Nostra Regione.
Noi non per colpa nostra siamo stati costretti ad emigrare per cercare lavoro e non per questo dobbiamo essere doppiamente penalizzati. La Regione ha il dovere nei Nostri confronti di renderci almeno agevole la possibilità di fare rientro almeno nelle vacanze visto che non è stata in grado di metterci a disposizione il bene più importante il lavoro.
Non fateci vergognare ancora una volta dell’umiliazione di non potere disporre di quanto necessita per potere venire a casa Nostra. Fate qualcosa, ma subito perché l’attesa di vedere se qualche compagnia fa delle promozioni e per quanti è insostenibile.
Ricordatevi che anche Noi abbiamo il diritto di rientrare anche se per brevi periodi, purtroppo anche Noi siamo stati partoriti dalla stessa terra e nessuno ci può negare il Nostro sacrosanto diritto
Certo della Vostra comprensione e nell’attesa che qualcosa si muova.
Domenico Quartucci (Torino)

 

La tassa IMU per gli emigrati

Avevo poco più di 30 anni quando lasciai la mia “dolce Sardegna”. Mio padre soffriva di un male incurabile, io mi sono laureata per farlo felice prima che lui venisse a mancare e dopo ho comprato un biglietto per Londra senza ritorno. Mentre scappavo disperata da Dolianova con una valigia piena di sogni e per trovare un mondo migliore, il mio cuore era a pezzi. Ma dovevo fuggire dalla Sardegna, non avevo un lavoro e non potevo stare sulle spalle di mia madre, come avrei potuto!
Ormai sono quasi vent’anni che vivo in Inghilterra. Ho lottato tantissimo per riuscire ad arrivare dove sono e ho sofferto tanto nel lasciare mia madre e la mia dolce Sardegna, ma vivere qua mi ha permesso di allargare i miei orizzonti e fare dei passi che non avrei mai potuto fare stando in Sardegna. Lavoro da molti anni come assistente presso la sede di Londra di uno dei più grossi studi legali italiani, insegno italiano nel mio tempo libero e sono orgogliosissima quando i miei studenti parlano col mio accento sardo. Faccio volontariato tramite il consolato negli ospedali e nelle carceri, dando conforto ai malati e supporto e speranza agli italiani che hanno preso la strada sbagliata.

Leggi tutto: La tassa IMU per gli emigrati
 

Il ringraziamento dei lettori

Gent/ma Redazione, l'unico appunto che vi si possa rivolgere è quello di ringraziarvi della Vs disponibilità nell'informare noi, sardi nel mondo, di quello che accade nella nostra amata terra natia, le rievocazioni storiche, culture, usanze, tradizioni e chentu iddas e chento modas, tutte notizie che allietano i nostri umori da renderci più allegri e sereni. Siete grandi !.... grazie di tutto quello che fate, accettiamo con grande gioia tutte le notizie che ci fate leggere, compreso il ritardo. Un cordiale saluto e un grande augurio a tutti i componenti della Redazione. Salvatore Serra
 

Pagina 10 di 56

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon